Cibo per la pelle®: un dolce fil rouge che unisce biscotti e cosmetici

//Cibo per la pelle®: un dolce fil rouge che unisce biscotti e cosmetici

Partendo dal concetto che i cosmetici sono Cibo per la pelle® e che tutto ciò che applichiamo sul nostro corpo viene “mangiato” esattamente come il cibo che ingeriamo, abbiamo voluto provare a mangiare i cosmetici.
Certo siamo un pò folli.
Finora avevamo stupito i nostri clienti e le persone che venivano a visitare il nostro stand nelle fiere spalmando i rossetti sopra le fette biscottate per dimostrare che sono così naturali da poter essere mangiati, ma questa volta siamo andati oltre.
Partendo quindi dall’idea del rossetto come marmellata sulla fetta biscottata, abbiamo provato a impastare dei biscotti con le stesse materie prime dei cosmetici, tutte di altissima qualità.
biscotti-cosmetici_767x261_a
Ricetta della nonna alla mano ci siamo lanciati in una vera e propria sfida.
Burro di Karitè, Olio extra vergine di Oliva, Olio di Sesamo, sciroppo di Riso, Radice di Luce®, olio di cocco, olio essenziale di Arancia Rossa ed estratto di Vaniglia (tutti rigorosamente certificati biologici): come li aggiungiamo alla farina integrale, allo zucchero e alle uova? Con che dosi? Si amalgameranno come in una normale pasta frolla?
Parte così la nostra impresa; un impasto è risultato troppo grasso, un altro troppo friabile, uno poco dolce, un altro ancora troppo solido ma alla fine siamo riusciti a trovare la giusta ricetta che abbiamo affidato alle abili mani di un pasticcere perchè ce ne preparasse un congruo quantitativo da far assaggiare in fiera.
Ci siamo sentiti proprio come Julie & Julia (avete visto il film?), due donne che, pur separate nel tempo e nello spazio, scoprono che con la giusta combinazione di passione, coraggio e materie prime di ottima qualità tutto è possibile.
biscotti-cosmetici_767x261_b
E’ così che a SANA 2016 abbiamo trasformato una parte dello stand in un banco di lavoro: da una parte rossetti dalla texture morbida e colori accattivanti che Anna produceva, colava e confezionava in cialde, e dall’altra Valentina che, con le stesse materie prime esposte in bella vista in modo che non ci fossero nè trucchi nè inganni, ha impastato e cotto i biscotti.
I primi assaggiatori siamo stati noi, ma vi garantiamo che dopo il primo morso a tutti sarebbe piaciuto infilare un’altra volta la mano nel barattolo per prendere un secondo e perchè no anche un terzo biscotto.

2017-08-01T15:04:21+00:00 3 novembre 2016|Notizie sui prodotti Montalto|