Cosmetici per bambini. Quali scegliere e perché

//Cosmetici per bambini. Quali scegliere e perché

Fino alla pubertà i nostri bambini hanno bisogno di una beauty routine particolare, molte coccole, anche di bellezza, ma soprattutto un’attenta protezione in tutta sicurezza. Quali prodotti scegliere quindi per la detersione e la skin routine dei più piccoli?
Abbiamo chiesto al Dottor Mauro Barbareschi, Professore aggregato della Scuola di Specializzazione Dermatologia e Venereologia qualche consiglio per scegliere i migliori prodotti in tutta salute.  

Che caratteristiche hanno i prodotti cosmetici per bambini, rispetto a quelli per adulti?
“Le linee di prodotti pensate per i bambini puntano soprattutto alla naturalità degli ingredienti che li compongono e fanno grandissima attenzione agli attivi al loro interno, che sono pochissimi di solito, l’inci è molto corto. Possiamo, in pratica, parlare di prodotti semplificati che vanno a svolgere poche funzioni, quelle che necessitano a una pelle che ha grande capacità di rigenerarsi – caratteristica propria della pelle giovanissima – ma alla quale serve protezione, soprattutto in inverno dove rischia di essere aggredita dal freddo e dagli altri agenti atmosferici.
Le creme e i prodotti di skincare per bambini quindi, svolgono soprattutto funzioni legate all’idratazione e alla protezione della cute, più sottile di quella degli adulti e più reattiva. Le creme per adulti, invece, mirano anche a risolvere problemi che la cute dei bambini, fortunatamente, ancora non ha, come la perdita di tono, le rughe o i danni cellulari dovuti agli stress a cui la pelle “dei grandi” è sottoposta”. La mamma perciò può usare i cosmetici e le creme dei bambini, ma non vale il contrario.

Fino a che età un bambino è considerabile tale dal punto di vista dermatologico?
“Il ponte verso una pelle adulta è quello della pubertà dove il sistema ormonale inizia a sconvolgere i meccanismi di rigenerazione”.

Come si può assecondare il desiderio dei piccoli di sentirsi “grandi” usando profumi o creme o prodotti per le unghie – nel caso delle bambine – ma in tutta sicurezza?
“I cosmetici pensati proprio per i più piccoli, se correttamente formulati, sono da preferire e utilizzare senza problemi, assecondando anche il desiderio, soprattutto delle bambini, di indossare prodotti per capelli e giocare con i cosmetici per le unghie, purché siano espressamente prodotti per loro, quindi con formulazioni poco chimiche, non persistenti, quelli delle unghie in particolare, e dai componenti sicuri. I bambini sono bambini, e per questo non vanno trasformati in piccoli adulti. Visto che esistono, scegliere quindi sempre case cosmetiche riconosciute che facciano linee ad hoc per i più piccoli, noti sul mercato per la serietà delle composizioni e la qualità riconosciuta dei prodotti che propongono. Un consiglio che mi sento poi di dare è comunque, in caso di qualsiasi problema di pelle possano avere i bambini, di rivolgersi al dermatologo. Anche la dermatite atopica, che è fra gli sviluppi più frequenti, se curata in tempo, non rischia di trasformarsi in qualcosa di peggiore, purché appunto seguita, fin dall’inizio, da uno specialista. Dire no all’autocura è importante perché un danno assolutamente arginabile, se mal curato, può essere molto più pericoloso e difficile da far rientrare”.

Fonte: http://www.vanityfair.it/

2017-01-10T19:51:46+00:00 9 dicembre 2016|Notizie Bellezza Bio|